San Iker 

San Iker 

Luglio 2, 2020 1 Di Luca Sisto

La Corea del Sud, sulla strada per le semifinali del mondiale di casa del 2002, elimina l’Italia di Buffon al golden gol e la Spagna di Casillas ai rigori, ovvero le nazionali con in campo i due portieri più forti del decennio.

Gli Dei del calcio hanno ripagato con gli interessi i torti subiti nel mondiale nippocoreano alle rispettive nazionali e ai due portieroni, risultando decisivi con le loro parate: Quella di Buffon su Zidane e quella di Casillas su Robben.

Nelle due successive edizioni:
2006 Italia campione
2010 Spagna campione

Nella foto FIFA, Casillas su Robben fa una delle parate più importanti della storia del calcio, decisiva ai fini del primo titolo iridato delle furie rosse.

Recentemente, molti hanno ricordato il golazo di Zidane nella finale di Champions League contro il Bayer Leverkusen del 2002.

Non tutti ricordano che Casillas in quella finale del 2002 partì dalla panchina. Del Bosque (colui il quale sarà  anche l’allenatore della Spagna ai mondiali Sudafricani) aveva cominciato da qualche mese a preferire il più esperto Cesar. Quest’ultimo accusò un infortunio al ’68 minuto, consentendo a Casillas di entrare in campo.

San Iker sarà decisivo con una parata su Berbatov, proprio con i piedi, con un riflesso in controtempo simile alla parata su Robben, che 8 anni più tardi avrebbe aiutato la Spagna a battere l’Olanda ai supplementari, vincendo il suo primo mondiale.